3 settembre 2009

come and go

Tempo di forti sentimenti e di addi questo settembre 2009.

Innanzitutto l'addio all'estate. Da qualche giorno pioggia ininterrotta, giornate grigie, fa buio presto e via dicendo. Luglio ed Agosto sono stati decenti, quindi penso che non mi possa lamentare.

Ad Agosto e' stato qui il mio migliore amico, quasi un fratello, e la sua vacanza ad Edimburgo mi ha riportato indietro di parecchi anni. Con Luiz abbiamo parlato, discusso, litigato, fatto gli stupidi, bevuto, giocato a calcio, organizzato cene e bbq, fatto i cretini con ragazze che ovviamente non ci hanno cagato e via dicendo. Ma soprattutto, dopo quattro mesi costellati da nuove amicizie mai troppo profonde anche per via dell'inglese, mi sono accorto quanto sia prezioso avere accanto un amico che ti comprende senza bisogno di parlare. Uno sguardo e ci si capisce al volo. Salutarlo in stazione e' stato angosciante.
La casa di Luiz era vicino a casa mia, tutti i giorni ci passo tuttora davanti. Ora saperla vuota mi rende un po' piu' solo qui ad Edimburgo.
Pic: me and Luiz (aka: salamella heroes)

L'addio a Kasia, simile per molti versi, ha avuto un sapore molto diverso. Infatti sono sicuro che nella mia vita mai perdero' di vista Luiz, con lui non esistono addii ma solo arrivederci.
Nel caso di Karoline invece, salutarla puo' davvero essere un vero addio.
Ragazza polacca alla pari qui ad Edimburgo per cinque mesi, conobbi Karoline alla scuola di inglese, e subito entro' nel mio giro di amicizie: noi eravamo gli unici stranieri in mezzo ai nostri amici spagnoli. Con lei ho imparato ad apprezzare la diversita', in quanto talvolta il suo carattere cozzava con i nostri animi latini. Tuttavia, poco alla volta, abbiamo imparato a volerle bene.
Con Karoline e' stato bellissimo vederla aprirsi piano piano dopo le diffidenze iniziali, bello anche rispettare i suoi spazi, quando aggrottando la fronte dopo una domanda troppo personale ti faceva capire: “Leave it, this is my limit and I won't go further”.
Al suo leaving party le abbiamo regalato un album fotografico con tutti i momenti passati insieme e tante dediche. Sono sicuro che solo il suo orgoglio le ha impedito di piangere di fronte a noi.
Pic: Karoline at Cramond Island

Uno dei motivi per cui sono venuto in Scozia era anche sfuggire al conformismo dei sentimenti che provavo in Italia. Cio' nonostante questi due saluti sono stati devastanti.

Ricordo un collega di lavoro, 50enne ma con spirito molto giovanile, che una volta mi disse: “Beata la tua tua eta', tutto si muove, e' dinamico, in continua evoluzione; se perdi qualcosa ne trovi subito un'altra”.
E' un discorso che non ho mai amato, ma che qualche volta ti puo' consolare davvero.

E' infatti con questo spirito che guardo al futuro e do il benvenuto ad Edimburgo a Michele ed al suo blog Find a Room to Roam. Mi ha fatto piacere incontrarlo appena arrivato ad Edi.

Ma soprattutto, non sono piu' l'unico blogger italiano nella capitale scozzese!
Altro che I bloggers dublinesi, che credono di sapere tutto loro! Per non parlare di quegli spocchiosi dei bloggers brussellesi!
A noi oramai ci fatto un baffo.
Tze'.

Pic: Michele's first beer in Edinburgh

Song: Gossos - Corren

12 commenti:

bacco1977 ha detto...

in questi posti, DUblino come Edimburgo come Londra come Bruxelles come Amsterdam, si viene e si va . Un amicizia duratura la potrai soltanto trovare tra i locali. E credimi, non e' operazione facile.

Saluti e... ce ne vuole di gente ad Edimburgo per raggiungere i Dublinesi!!!

fonto 6969 ha detto...

Ciao ale,
ieri sera al du mancava ci mancava il quarto al tavolo...ho dovuto mangiare anche le mozzarelline da solo..
Quando torni?Non voglio giocare tutta la stagione con il doma centrale.

p.s. Aaron non si smentisce mai,
carichissimo al primo allenamento,al secondo già mancava.

Un saluto dalle quade.

Joan ha detto...

Un saluto ad entrambi!

andima ha detto...

ti capisco perfettamente, anche io a Dublino ho detto un sacco di addii e anche se il mondo e le distanze tendono a divenire sempre piu' brevi, alcuni abbracci son davvero gli ultimi.. e alla fine son stato io quello che ha detto addio.. e' brutto dirlo, ma e' meglio farci l'abitudine a queste cose, perche' piu' gente conosci, piu' questi addii diverranno frequenti.

facit'e brav uajuni!

Poi magari un giorno ci ritroviamo nella stessa citta' e ne esce un super blog unico cosi' vediamo che dici :P il problema e' dove!

andima ha detto...

ah, t'ho fatto contento, come mi avevi chiesto, ho parlato dei cioccolatini belgi:)

Alekos ha detto...

@ Bacco & Andima: mi avete capito al volo. Quelli che vengono qui a vivere li sento piu' vicini, ma sono amicizie col timer contato.

Gli amici locali ne ho, e' facile trovarli ma difficilissimo approfondire la conoscenza. Ad esempio la situazione tipica e' al pub a parlare di ubriacature, calcio e ragazze.

@ Andima: ho visto che hai parlato di cioccolatini, ma sono a dieta quindi non lo leggo... :D

Alekos ha detto...

@ Fonto 69: no capitano, in questo momento difficile non puoi parlarmi di allenamenti, Du pub e mozzarelline. Magari dimmi anche del caldo che in Italia continua ad esserci e mi sparo!

Ah, ma quindi il Doma gioca ancora? Non si e' dato solo al mandolino medioevale???

vinz_745 ha detto...

E' vero, qua a Brussels siamo propri insopportabili. Credo dipenda dalla cioccolata o dalle frites. La birra non penso dato che non la bevo :)

Piuttosto. Ti vedo sgargiante nonostante il Derby. Convengo con te che avendo perso in quel modo è meglio stare ad Edimburgo o a Brussels. Almeno qui nessuno ti viene a rompere le scatole :)

Mike invece tu su con la vita. Vedrai che andrà tutto bene. Ne parlerai ai nipoti di questa avventura. Un abbraccio.

Michele ha detto...

bella Ale, nessuno può battere i due EdimBROS! hahahaha

poi oh, almeno nel mio caso nessun timer, io sono qui per restarci, basta che trovo sta c**** di stanza e sto c**** di lavoro!

Dicky ha detto...

... e pensare che Luiz l'ho visto proprio sabato a Casirate d'Adda... :)
Ciao Ale!

mazzok ha detto...

ciao bell'ometto!!!
che piacere leggere che tutto un pò per volta si sta mettendo a posto nella tua permanenza scozzese, sono proprio contento!
mi sono letto tutto d'un fiato i tuoi post e devo dire che non hai perso il vizio di scrivere per bene, ma soprattutto è bello saperti sereno. la visita del buon luiz avrà portato un pò di crema in quel delirio che è edimburgo in agosto...spero tanto che presto ci si possa arrivare anche noi altri che siamo rimasti qui...

nel frattempo continuo a seguirti da qui
-maz-

Alekos ha detto...

Grazie Mazzok, quando volete passare sarete tutti miei ospiti. Ho trovato infatti sistemazione nel castello di Edimburgo, e di stanze libere ne ho ha volonta'.... :-)