26 agosto 2009

deep fried mars bars

Problemi di colesterolo? Nessuna paura, la cucina scozzese ha pensato anche a voi.

Quando l'energia del cioccolato incontra la magia dell'olio bollente nasce...
DEEP FRIED MARS BARS


Come resistergli?
Pic: deep fried Mars bars

19 agosto 2009

tempo di Scottish Premier League!!!

Finalmente lo scorso week-end e' iniziato il Campionato di calcio scozzese, la Scottish Premier League (SPL).
I miei primi contatti con la SPL, con mia grande sorpresa, sono stati dovuti al forum Calcio Scozzese, il quale riunisce molti affictionados italiani, che discutono sul campionato scozzese, pubblicando articoli che variano dall'attualita', alla storia, fino alle categorie minori. Ho scoperto cosi' un mondo tutto nuovo, rappresentato dai tifosi delle squadre piu' disparate.
Il mio club preferito sono i Lombardia Hearts, fans club lombardo della mia squadra del cuore (gli Hearts appunto), anche perche' durante un loro raduno ho avuto modo di conoscere il simpaticissimo Andy.
Vicino di casa, ma che non ho mai incontrato, e' il cremonese Marco, il quale ha addirittura inventato una fanzine sul calcio non professionistico scozzese, mettendo a disposizione la sua passione ed offrendo la sua fanza a soli 10 euri per 12 numeri!!! Maggiori informazioni sul sito Non League History.
(Sulla colonna di destra trovate i links)
Il calcio che si vede nella Scottish Premier League e' molto diverso dalla nostra Serie A. Lontano dai riflettori e dai contratti milionari delle top team europee, le formazioni scozzesi possono pero' vantare rivalita' storiche ed un grande (enorme) attaccamento dei loro tifosi. In molti casi le rivalita' hanno radici nel tessuto sociale: le due squadre di Edimburgo (gli Hearts e gli Hibs), cosi' come le due di Glasgow (Rangers e Celtic) sono storicamente le formazioni privilegiate dalle parti protestante e cattolica delle due citta'.
Dal punto di vista tecnico, non ci sono grandi campioni, ma il calcio assume una dimensione piu' genuina: "kick and run", come dicono qui. Spesso inoltre le due contendenti, nonostante il divario piu' o meno ampio, combattono fino allo stremo delle forze per tutti i 90 minuti.
L'atmosfera negli stadi, inoltre, e' da pelle d'oca: intere famiglie riempiono gli avveneristici stadi, a ridosso del campo senza protezioni alcune.
Lo scorso 17 agosto la mia prima apparizione calcistica della mia avventura scozzese. Il sopra citato Andy e' venuto qui in Scozia, ed insieme al mio amico d'infanzia Luiz (anche lui qui ad Edi) siamo andati in trasferta a vedere la partita della prima giornata: Dundee vs Hearts.
Bellissimo entrare nello stadio, nello spicchio riservato ai tifosi ospiti: a ridosso del campo, l'atmosfera era esaltante.
Purtroppo il risultato e' stato negatico (Dundee battono Hearts 2-0), ma a discapito di quanto mi succede in Italia non sono ossessionato dal risultato. Andare a vedere un'altra citta' come Dundee, viaggiare in treno con i tifosi Hearts e sistenere la squadra in uno stadio non bello ma di grande atmosfera e' stata una grande emozione.
Eccovi qualche foto e qualche immagine dal Tannadice di Dundee!
C'mon the Hearts!!!!!!!

Slideshow: images from Tannadice.

11 agosto 2009

Il Festival di Edimburgo

Sin da quando sono arrivato nella capitale scozzese, ossia a maggio, gia' si sentiva nell'aria il clima di attesa per il Festival di Edimburgo, evento di interesse mondiale che in agosto porta in citta' migliaia di artisti e milioni di turisti (ed altrettanti posti di lavoro stagionali).
Il mio primo impatto con il grande evento, onestamente, e' stato molto negativo: Edimburgo e' diventata troppo affollata, direi quasi caotica. Passeggiando per le arterie principali della citta' si e' immersi in una fiumana di gente, che personalmente. Sembra quasi di essere nelle vie dello shopping di Milano al sabato pomeriggio, solo che tutti i giorni sono sabato.
Lungo il Royal Mile talvolta e' impossibile passare. Ogni 100 metri c'e' un artista di strada che improvvisa spettacoli, la gente si raduna intorno e per passare rasento l'isteria.
Inoltre e' sempre piu' difficile sentir parlare inglese. La lingua principale che si ascolta e' lo spagnolo. Non che abbia qualcosa in contrario contro questa lingua che trovo piacevole e musicale, ma sentire una lingua diversa da quella del paese in cui ci si trova e' una cosa che detesto.
Queste, purtroppo, le mie prime impressioni. Del tutto personali, mi raccomando! Sono anzi sicuro che arrivero' ad apprezzare il Festival, il fatto e' che una citta' che ho scelto (anche) per la bella atmosfera e' diventata una metropoli nell'ora di punta.
Ne approfitto allora per scrivere questo post, sperando che la mia idea cambi e sperando magari di essere utile a chi approdera' ad Edi nei prossimi giorni. A tal proposito, cerchero' di colmare le mie lacune fornendo links ai siti di informazioni.

Il Festival di Edimburgo, a dire il vero, e' un insieme di manifestazioni che si concentrano in citta' nel mese di agosto.

L'evento principale e' l'Edinburgh International Festival (EIF), una delle piu' grandi manifestazioni teatrali, la quale si svolge dal 1947. Quest'anno l'EIF iniziera' il 14 agosto e terminera' il 6 settembre. Le sezioni in cui si divide sono: the Opening Concert, Opera, Dance, Theatre, Music, Visual Arts e Talks & Discussion.

Gli appassionati di musica non si saranno persi l'Edinburgh Jazz and Blues Festival, che quest'anno si e' svolto dal 31 luglio al 9 agosto.

Quelli di arte invece non potranno perdere l'Edinburgh Art Festival, dal 5 agosto al 5 settembre.

Colma d'arte anche l'Edinburgh Festival Fringe, dal 7 al 31 agosto, che propone un misto di commedie, spettacoli e danze.

Piu' particolare l'Edinburgh Mela (7-9 agosto), che mette in scena la cultura delle minoranze etniche residenti nella capitale scozzese.

Una delle manifestazioni piu' attese e' senza dubbio l'Edinburgh Military Tattoo, una famosa parata militare che si svolge nello spiazzo prospiciente il castello. Chi c'e' stato ne e' rimasto entusiasta, l'unico consiglio che posso dare e' che i biglietti sono, oltre che costosi, difficili da trovare: c'e' addirittura chi compra i biglietti ora per il prossimo anno. Il Tattoo 2009 si svolge dal 7 al 29 agosto.

Dedicato a spiritualita', dialogo e convivenza, il Festival of Spirituality and Peace e' in programma dal 9 al 31 agosto.

In Charlotte Square stanno allestendo un grande capannone, che dal 15 al 31 agosto ospitera' l'Edinburgh International Book Festival, dove autori piu' o meno conosciuti presenteranno le ultime novita' in fatto di pubblicazioni.

Infine, il Festival of Politics (18-22 agosto), propone discussioni con i massimi esperti europei di storia e politica internazionale.

Giusto per finire, segnalo due mostre interessanti: quella spagnoleggiante dal titolo "The Discovery of Spain: from Picasso to Goya" presso la National Gallery ed la mostra "Edinburgh Islam festival" presso la Moschea Centrale.

Queste, le feste ufficiali, ai bordi delle quali ci sono quelle ufficiose, ossia tutti quegli eventi organizzati da associazioni o discoteche, che approfittano della moltitudine di gente.

Come vedete il Festival di Edimburgo e' molto variegato, sembra addirittura di perdersi nei suoi meandri.

Un filo conduttore, tuttavia, esiste. E' il tema de The Call of Home (alias homecoming Scotland 2009), ossia del ritorno in patria di tutte le famiglie scozzese disperse per il globo a seguito di una vera e propria diaspora che ha colpito il paese negli anni bui delle due guerre. Infatti uno degli avvenimenti piu' attesi del Festival e' Il rotorno di Ulisse in patria del nostrp Claudio Monteverdi, evento che promette il tutto esaurito nelle tre serate del 23, 25 e 26 agosto presso il King's Theatre.

Il tema del ritorno in patria e' stato festeggiato anche durante il Gathering 2009, avvenuto il 25 luglio scorso. In occasione di quella festa in Edimburgo si sono riversati in citta' tutti i piu' antici clan scozzesi, trapiantatisi soprattutto in USA, Nuova Zelanda e Australia. Tutti con i tipici tartan della propria tradizione, al Gathering si sono svolti anche i campionati degli Highland Games, dove omoni di stazza impressionante e vestiti in kilt si sono sfidati in prova di forza sollevando tronchi e lanciando pietre.

A dire il vero gli sport delle Highlands non mi sono sembrati un gran che, l'evento pricipale del Gathering e' stata la sfilate delle famiglie nel Royal Mile, dove un pubblico di 20'000 persone ne ha celebrato il ritorno assistendo ad una parata di cornamuse. Riporto il filmato di questa parata, di cui consiglio caldamente la visione, sperando che renda bene l'idea: assisterci dal vivo e' stato da pelle di cappone.

Cheers lads!

video

Clip: Gathering 2009 parade in Royal Mile

4 agosto 2009

next flat...best flat

Ancora cambiamenti nella mia avventura scozzese, e per fortuna si tratta di cambiamenti positivi. Con i miei coinquilini neozelandesi sul piede di partenza, avevo deciso di guardarmi in giro alla ricerca di altri appartamenti: non che quello di prima non mi piacesse piu', ma avrei dovuto cercare altri coinquilini, ma non mi andava piu' di condividere con un'altra coppia: non mi sono trovato male, ma i ritmi e le esigenze sono totalmente diverse.
La soluzione me l'ha data proprio la ragazza neozelandese, che mi ha consigliato una casa di una sua amica, nella quale c'e' una stanza vuota. Appena ho visto la sistemazione, non ci ho pensato due volte.

La casa e' stupenda, davvero incredibile per tutto un insieme di cose!!!

Innanzitutto la zona e' tra le piu' belle di Edimburgo. A pochi passi dal centro e dal parco dei Meadows, il quartiere di Morningside e' molto vivace nella sua via principale, tranquillo ed elegante nelle stradine interne. Gli edifici sono per lo piu' villette o condomini di non piu' di due piani, in ognuno di esse c'e' un giardinetto. La tranquillita' e l'eleganza del quartiere ne hanno fatto la residenza di tre scrittori di grande fama, tra cui J.K. Rowling: l'ideatrice di Harry Potter vive infatti a pochi metri da casa mia!

La prima cosa che mi e' saltata agli occhi e' la dimensione, davvero notevole. Si puo' camminare godendo di tanto spazio per tutta l'abitazione! C'e' anche un servizio navetta, totalmente gratuito, che mi porta dalla mia camera al salotto passando per la cucina!!!

La sala piu' bella dell'appartamento e' la living room, davvero massive: in esso ci sono tre divani, un grande tavolo in legno ed un caminetto. Notevole anche la mia stanza e molto elegante la cucina. Tutte le stanze hanno inoltre le tipiche altissime finestre, creando una bella luce in tutto lo spazio. Intorno alla casa, per meta' del suo perimetro, c'e' inoltre una giardinetto privato, in pratica una striscia di verde larga un paio di metri con piantine e fiori, separata dalla strada da un'alta siepe. Al termine del giardinetto c'e' un braciere, ottimo per i barbecue.

Divido l'appartamento con due ragazze, e la convivenza e' quanto mai una vera e propria Babele.

Jasmine e' una di esse, nonche' la proprietaria della casa, che ha ereditato dai nonni materni. Jasmine e' di sangue scozzese ma nata e cresciuta in Zimbabwe, in quanto i suoi genitori hanno girato il mondo vivendo nelle ex-colonie britanniche (India, Sud Africa e Zimbabwe appunto). Vivace e molto per bene, alla morte della nonna Jasmine ha deciso di trasferirsi ad Edimburgo per recuperare le sue radici, e dopo aver sistemato la casa ha da subito messo in affitto le camere, preferendo inoltre vivere con stranieri che con scozzesi.

L'altra coinquilina e' Nadine, ragazza belga di padre africano e mamma italiana, nata e cresciuta a Liegi. Di pelle scura e con una risata contagiosa, Nadine e' dotata del tipico fascino che deriva dall'unione di due diverse razze. Sempre allegra e spensierata, l'affascinante Nadine ha sempre avuto la valigia pronta per nuove avventure, vivendo lontano dai genitori da quando aveva 16 anni; la sua sete di avventura la ha portata a vivere in Norvegia ed in Vietnam, per poi finire ad Edimburgo, dove vive tutt'ora lavorando all'ospedale, dove sta svolgendo un dottorato in Biologia.

Unico neo e' che, a differenza del precedente appartamento, non ho un bagno privato. Altra nota negativa il prezzo: al mese pago 470 pounds (350 per l'affitto e 120 per le bollette). L'appartamento li vale tutti, ma per le mie tasche e' tantino, anche se, rispetto al flat precedente, ho solo 70 pounds in piu'.

Ora vi saluto, vi lascio qualche immagine poi scapo subito a casa per stendermi sul divano. Anzi, fuori fa davvero freddo, magari accendo anche il caminetto!!!



Slideshow: my flat in Morningside, Edinburgh.

Clip: Kaleth Morales - Vivo en el limbo

2 agosto 2009

what a day!!!!!

La data del 2 agosto 2009 e' tra quelle da incorniciare e riordare a lungo. Talmente tante cose sono successe che, se fossero accadute in un mese, sarebbe stato un mese intenso.

In ordine cronologico:

- ho una nuova casa! Bellissima, stupenda, enorme...
- ho un lavoretto! Meno bello della casa, ma comunque sempre lavoretto e'!
- il mio migliore amico e' approdato ad Edimbra', e ci stara' tutto il mese!!!

Non ho neanche il tempo di fare un post decente!!!

Just stay tuned!!!